Assegnazione case popolari: eliminata la richiesta ai cittadini extracomunitari di documentazione

Cambiare una delibera, questo è quello che ha fatto la squadra di Santi, nella prima giunta del suo mandato. Atto legittimo, ma che lascia sconcertati se pensiamo alla materia della delibera che è stata modificata.  Il tema è quello dei criteri per l’assegnazione delle case popolari. La delibera approvata il 22 maggio scorso é stata cambiata, eliminando il punto 5 che  prevedeva come requisito per la presentazione “di richiedere ai cittadini extracomunitari, all’atto di presentazione della domanda, una dichiarazione di assenza dei diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su immobili ubicati nel territorio italiano o all’estero con l’impegno a produrre, entro il termine fissato per la presentazione dei ricorsi, la certificazione delle autorità del paese di origine, oppure del consolato o ambasciata del paese di origine, in lingua italiana o tradotta in italiano nelle forme di legge, che attesti che tutti i componenti il nucleo familiare fin dalla data di pubblicazione del bando, non possiedono alloggi nel loro paese che attesti l’indisponibilità del bene”. Documentazione richiesta in quasi tutti i casi di richiesta ad enti pubblici.
Una soluzione che garantiva equità nei confronti di tutti e dei beni pubblici, in cui i richiedenti dovevano presentare gli stessi documenti e quindi potevano avere pari opportunità nell’assegnazione delle case, in base a requisiti accertati. Lasciamo ai volterrani la valutazione su quella che sembra di fatto una scelta soggettiva che “accoglie” una previsione regionale. Non ci piace pensare che esistano “solo” gli italiani, né siamo teorici del “prima gli italiani”, ma neanche che gli italiani debbano avere più adempimenti e vincoli rispetto a chi è extracomunitario.
Fonte: Movimento Per Volterra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *