Defibrillatori, sì della camera

La Camera ha approvato con voto unanime il disegno di legge “Disposizioni in materia di utilizzo dei defibrillatori semiautomatici ed automatici in ambiente extraospedaliero”.

Ecco alcuni punti cardine della nuova legge:

– Chiunque potrà usare un defibrillatore automatico o semiautomatico senza paura di incorrere in sanzioni. I Dae adesso in commercio consentono l’uso a tutti, anche a chi non è stato formato soprattutto senza paura di fare danni. Di fatto viene recepito il principio che i rischi sono inferiori usando il Dae che non usarlo in presenza di un sospetto acr.

– Viene introdotto l’obbligo di installazione di Dar sui mezzi di trasporto che effettuano tratte oltre le 2 ore senza fermate, in aeroporti, stazioni ferroviarie e nelle sedi della pubblica amministrazione e l’obbligo del Dae per tutte le società sportive.

– Finalmente una rete di formazione anche nelle scuole a partire dale secondarie di primo e secondo grado

– Mappatura tramite una app di tutti i Dae installati su territorio nazionale.

La somma che verrà stanziata sarà di 14 milioni. Subito 4 milioni per l’anno 2020 e successivamente 2 milioni l’anno dal 2021 al 2025. Adesso manca la votazione in senato, che verosimilmente dovrebbe esserci alla ripresa dei lavori dopo la pausa estiva.

di Gianni Baruffa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *