Una visita speciale all’Anfiteatro Romano in occasione delle Giornate FAI di autunno

Lo scorso fine settimana in tutta Italia si sono svolte le Giornate FAI di Autunno

VOLTERRA – Forte del bel successo dell’appuntamento primaverile, il giovane Gruppo FAI Volterra, afferente alla Delegazione di Pisa, ha proposto la visita aperta agli scavi dell’anfiteatro romano di Volterra, invitando iscritti, appassionati e curiosi di storia a vedere quella che è stata definita la scoperta del secolo. “Una giornata che si preannunciava un successo già sulla carta” spiega il capogruppo Eleonora Raspi “e che si è dimostrata tale già dopo poche ore dall’apertura delle iscrizioni, con un” tutto esaurito” che ci ha spinto a prevedere ingressi supplementari, così da dare modo a tante persone di poter vedere lo stato attuale dei lavori di riscoperta e consolidazione dell’anfiteatro romano”.

E così é stato: le Giornate FAI d’Autunno a Volterra sono state un’occasione per avere un assaggio delle emozionanti ed eccezionali scoperte quotidiane presenti in un’area archeologica di tale portata come quella dell’Anfiteatro Romano, la cui scoperta risale appena al 2015. Il Gruppo FAI Volterra ha potuto accogliere molte persone, alcune delle quali venute anche da lontano, lasciandole alle competenti spiegazioni della direttrice degli scavi Dott.ssa Elena Sorge, funzionaria archeologa della Soprintendenza dei Beni Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Pisa e Livorno, dell’archeologo Dario Ceppatelli, ispettore di cantiere, e dell’archeologo Giorgio Pocobelli (Cooperativa Archeologia), i quali hanno risposto con pazienza alle molte domande dei visitatori.

”Si è trattato di una bella e fruttuosa giornata che ci ha permesso, grazie alla disponibilità e premura del Comitato C.R.I. di Volterra, dei volontari e del suo presidente Francesco Viti, di far visitare in sicurezza gli scavi, dimostrando che questo sito è già un importante volano del turismo e quindi dell’economia di un intero territorio. Come Gruppo FAI Volterra continueremo a dar vita e risonanza a questa importante scoperta, che si aggiunge pian piano alle innumerevoli bellezze che già sono evidenti sul nostro territorio”, conclude Raspi. Il Gruppo FAI di Volterra ringrazia di cuore tutti coloro che hanno permesso la realizzazione di questo evento, in primis i sopra citati Soprintendenza dei Beni Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Pisa e Livorno, Cooperativa Archeologia, Comitato CRI Volterra, e non ultimi l’intera Delegazione di Pisa per il supporto e fiducia e i volontari volterrani per il loro grandissimo impegno e lavoro. L’appuntamento è per le prossime giornate Fai!

Gruppo FAI Volterra.

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *