Protocollo di intesa tra Comune e AVIS: il primo della provincia è a Volterra

È stato sottoscritto il primo protocollo di intesa tra il Comune di Volterra (Ufficio Istruzione) e l’Associazione Volontari Italiani Sangue – AVIS Intercomunale Alta Val di Cecina – Volterra per promuovere nelle scuole la solidarietà e i valori del dono del sangue. L’accordo, di durata quadriennale, prevede, nel rispetto dei principi di autonomia scolastica e delle scelte delle istituzioni scolastiche in tema di Piano Triennale dell’offerta formativa, l’organizzazione di attività rivolte ai docenti, al personale A.T.A., alle studentesse e agli studenti di ogni ordine e grado del territorio. Le attività saranno realizzate nell’ambito di un programma globale finalizzato all’educazione alla salute, anche in compartecipazione con altre istituzioni e associazioni di settore del territorio che hanno come riferimento le linee guida definite dall’OMS.
“La firma dell’accordo – dichiara il sindaco di Volterra Giacomo Santi – è una atto importante che permette di favorire l’informazione e l’educazione sanitaria dei cittadini, la salute e gli stili di vita sani e positivi, la cultura e la prevenzione sia sanitaria sia di contrasto a fenomeni devianti come dipendenze e comportamenti a rischio bullismo. Una sinergia che incentiva la solidarietà così importante in un momento storico così difficile come quello attuale.”
“L’idea del protocollo è nata nei mesi scorsi perché ho pensato – dichiara l’assessora all’Istruzione del Comune di Volterra Viola Luti – che fosse importante strutturare la collaborazione con l’obiettivo di promuovere, attraverso le scuole, un’azione di informazione e di sensibilizzazione. L’accordo vuole, infatti, incentivare nei giovani alcuni interventi di Cittadinanza attiva, come fondamento di una convivenza basata sui valori della solidarietà umana, della partecipazione responsabile, della cooperazione e dell’impegno civile. La partecipazione degli studenti, infatti, è il segno di una scuola moderna, che mette al centro dei suoi obiettivi la valorizzazione delle inclinazioni personali di ogni studentessa e di ogni studente, che crea le migliori condizioni per un apprendimento efficace, riconoscendo nel volontariato un’esperienza che contribuisce alla formazione della persona e alla crescita umana, civile e culturale e ne promuove – conclude Luti – lo sviluppo nei giovani e nelle comunità di lavoro e che, inoltre, è capace anche di combattere e di prevenire il fenomeno della dispersione scolastica.”
“L’AVIS Intercomunale di Volterra, consapevole dell’importanza della promozione alla donazione all’interno delle scuole di ogni ordine e grado – dichiara Luciano Ceppatelli, Presidente AVIS Intercomunale Alta val di Cecina – Volterra – ha trovato nel Comune di Volterra un partner importante per rafforzare la propria presenza nell’ambito scolastico. Infatti, dopo aver esposto le proprie iniziative da sottoporre al mondo della scuola (alunni, insegnanti, personale scolastico tutto e naturalmente genitori e famiglie), l’Associazione ha riscontrato l’interesse dell’Amministrazione Comunale che, attraverso l’assessora all’Istruzione Viola Luti, ha portato l’AVIS e il COMUNE di VOLTERRA alla sottoscrizione del primo protocollo di intesa in Toscana tra l’associazione e un’amministrazione comunale. I due soggetti interessati, nel rispetto dei propri ruoli, si impegnano infatti a promuovere un programma di attività di sensibilizzazione alla solidarietà, al dono del sangue e del plasma. Le attività saranno realizzate (su tutto il territorio di competenza dell’Avis Intercomunale Alta V. di Cecina – Volterra) con la partecipazione diretta degli studenti e dei loro insegnanti in modo da avere una didattica continuativa sia in presenza, quando sarà possibile, sia a distanza (e non solo in questo particolare momento di pandemia), in modo che ogni Istituto possa nel rispetto della propria autonomia promuovere le iniziative che ritiene più attuabili.In tutto questo deve essere posta particolare attenzione alle conoscenze e competenze che concorrono all’educazione, alla salute e alla cittadinanza solidale. L’Avis di Volterra – conclude il suo presidente Luciano Ceppatelli – intende sottolineare la sensibilità che il Comune ha sempre dimostrato nei confronti dell’Associazione; sottolineiamo inoltre la soddisfazione e l’importanza che questo protocollo avrà per Avis. Auguriamo quindi a Volterra e alla sua Amministrazione di continuare la strada intrapresa lo scorso anno con la candidatura a capitale della cultura, a cui anche Avis ha contribuito in piccola parte con la stesura del dossier che ha permesso a Volterra di essere stata scelta proprio in questi giorni fra le prime dieci città (unica in Toscana) che si contenderanno il Titolo. Uno sforzo è stato fatto, avanti così.”

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *