Dopo la prima parte dell’anno passata quasi totalmente in DAD i ragazzi dell’ITIS “A. Santucci” tornano in Aula

Da quando la Toscana è tornata in zona gialla all’ITIS “A. Santucci” i ragazzi sono rientrati a scuola anche se solo nella percentuale del 50%.
La formula adottata per rispettare le percentuali imposte per legge è stata quella “per classi” infatti solo metà classi alla volta sono presenti nell’istituto.
Per rispettare gli accorgimenti imposti dalla pandemia tutti i ragazzi indossano sempre la mascherina e ogni classe ha un’entrata dedicata ed una porzione di corridoio ad uso esclusivo (che conduce anche alla dedicata uscita di emergenza), un bagno dedicato. Ogni volta che una classe usa un laboratorio subito il personale ATA esegue le operazioni di sanificazione grazie a delle particolari attrezzature acquistate dalla scuola con i fondi ministeriali dedicati.
Durante la mattina la precedenza è data alle esperienze di laboratorio la cui parte teorica è già stata trattata in DAD: ad esempio la classe V ad Elettrotecnica ha iniziato le prove di caratterizzazione del trasformatore, a Sistemi le Prove di Caratterizzazione di una termoresistenza (PT100) mediante l’uso di un fornetto calibrato ed a TPSEE è iniziato il montaggio del sistema di Teleinversione di un motore asincrono trifase.
Insieme alle lezioni mattutine sono riprese anche le attività pomeridiane di valorizzazione delle eccellenze con l’inizio del corso di prototipazione veloce che ha visto la partecipazione a piccoli gruppi di tutti gli studenti d IV e di V. La prima Lezione del corso era tesa a disegnare in 3D dei componenti di elettronica, attività per la quale i ragazzi oltre ad iniziare ad utilizzare il software Autodesk Inventor hanno anche ripassato concetti di metrologia, l’uso del calibro e le metodologie di rilievo legate a disegni a mano ed appunti sulle misure, sistemi di assemblaggio, sviluppi geometrici etc.
La risposta degli studenti è molto positiva, stanchi delle lezioni a distanza rispondono molto bene alle sollecitazioni degli insegnanti.

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *