Il sindaco di Guardistallo Sandro Ceccarelli scrive al Papa per salvare la Diocesi di Volterra

Il sindaco di Guardistallo Sandro Ceccarelli scrive a Papa Francesco per slavare la Diocesi di Volterra. Si dice contrario agli accorpamenti e fa un appello affinchè salvi la Diocesi che fu di un suo predecessore Papa San Lino, il primo pontefice italiano e amico del pescatore di Galilea. Di seguito riportiamo la lettera inviata al Papa

“Da Sindaco di Guardistallo, da Cristiano e da cittadino della Val di Cecina non posso credere alle notizie che si leggono sulla stampa locale, ovvero di un probabile accorpamento della Diocesi di Volterra. Non ci posso credere, perchè significherebbe lasciare i gregge della Val di Cecina recisa delle sue più profonde radici. Mi consenta di riportarle una riflessione, perché come già dimostrato in altri campi, sanitario, amministrativo gli accorpamenti per il nostro vasto territorio rurale non sono mai risultati salutari per le nostre comunità, che sulla loro pelle li hanno sempre vissuti come uno sfregio, come una colonizzazione. Faccio appello a Lei Santità, affinchè prenda a cuore la Diocesi di un suo illustre predecessore e nostro conterraneo, Papa San Lino, il primo pontefice italiano e amico del pescatore di Galilea. Ci viene detto che la diocesi di Volterra sarebbe colpevole di avere meno di 100 mila abitanti (ne ha 95mila). Santità noi non siamo palline colorate sulle aste di un pallottoliere matematico. Come Amministratori siamo impegnati costantemente, nel tentativo di far crescere il nostro territorio! Tutte le lotte fatte in questi ultimi anni, per Sanità, per il Lavoro che non c’è, nel rispetto dei valori delle nostre Famiglie l’abbiamo fatte con il nostro Vescovo al fianco, che come guida di un gregge tal volta impaurito e smarrito dalla cupidigia dei numeri, non ci ha mai abbandonato. Questo nostro Vescovo, con rispetto, ha compiuto atti da buon pastore, atti che non avremmo visto compiere da molti Arcivescovi di capoluoghi. Santità, Le scrivo nel giorno di San Giuseppe, Padre coraggioso ed amorevole, che scelse di crescere e custodire la sua Famiglia in un piccolo paese come il mio. Anche Io, Padre di tre figli con mia Moglie abbiamo scelto di crescere cristianamente e proteggere la nostra Famiglia è vivere questa nostra esperienza piena di valori, tal volta faticosa, ma sempre molto gratificante per i valori che possiamo trasmettere ai nostri figli. Forse, Santità, il Coronavirus, nel bene o nel male, ci sta insegnando quanto contano gli spazi aperti, e che probabilmente il modello consumistico dei grandi aglomerati urbani, attuato fino a ieri è sbagliato. Santità Carissima, Papa Francesco, mi rimetto alla Sua immensa comprensione e bontà, fiducioso nel Suo giudizio e mi consenta di rivolgerle un ultima preghiera da piccolo Sindaco di campagna, non permetta che il tessuto sano delle nostre comunità, si sciolga come neve al sole e protegga con le sue preghiere il cuore della nostra Toscana! Volterra e la Val di Cecina, non può rimanere senza un Pastore e senza una guida spirituale. A Lei vadano tutte le preghiere delle nostre comunità e della mia Famiglia, con devozione. Sindaco Guardistallo Sandro Ceccarelli”

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *