Ucraina, altri due piccoli pazienti accolti al Meyer: una ragazzina con ferite di guerra

Il Meyer accoglie altri due piccoli pazienti in fuga dalla guerra in Ucraina: si tratta di una ragazzina di 14 anni, originaria di Kiev, che ha riportato una lesione a un braccio a causa dell’esplosione di una mina, e di un neonato di cinque mesi, originario di Cherson, con una patologia oncologica. Entrambi i bambini, accompagnati dalle mamme, sono arrivati ieri sera con un volo atterrato a Bologna.
Ad accoglierli, gli operatori del Meyer che li accompagneranno nel percorso di cura che li attende.

Il viaggio dei piccoli pazienti è stato gestito dalla Centrale remota operazioni soccorso sanitario (CROSS) che ha sede a Pistoia.

“La Toscana va avanti nel suo impegno – sottolinea il presidente della Regione Eugenio Giani –, siamo al fianco del popolo ucraino e soprattutto dei bambini, prime vittime della guerra”.

“Riceviamo una bambina con una ferita di guerra. Era dai bombardamenti del Campo di Marte del 1943 che il Meyer non curava feriti di guerra” dichiara Alberto Zanobini, direttore generale del Meyer.

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.