SANITA’. PETRUCCI (FDI): “STOP ALLA FUGA DEI MEDICI, ADEGUARE LO STIPENDIO ALLA MEDIA NAZIONALE”

“Secondo un rapporto dei medici ospedalieri Anaao, i dottori toscani sarebbero i peggio retribuiti d’Italia. Quindi la nostra Regione, oltre a dover affrontare tutte le problematiche connesse alla professione che si riscontrano da Nord a Sud, sconta anche questo problema che disincentiva i giovani medici a rimanere a lavorare negli ospedali toscani.
Abbiamo depositato una interrogazione in Consiglio regionale: la Toscana non può permettersi un ulteriore salasso di professionisti, c’è il rischio concreto che chiudano interi reparti e che il nostro Sistema sanitario si fermi.
La pandemia ci ha mostrato in modo ancora più netto, quanto siano fondamentali medici e professionisti sanitari. Eppure questi anni drammatici, non ci hanno insegnato niente. Da parte nostra, c’è un impegno costante e quotidiano affinché i medici siano retribuiti adeguatamente. In questa direzione andava la nostra proposta di legge al Parlamento per incentivare i dottori a operare nelle zone interne. Con lo stesso spirito, oggi chiediamo di portare la retribuzione dei medici ospedalieri ai livelli della media nazionale presentando un atto in Consiglio regionale”. Lo dichiara Diego Petrucci, consigliere regionale FdI e membro della Commissione Sanità.

Condividi l'articolo

1 Comment

  1. Se dobbiamo fare sacrifici per la crisi, li dobbiamo fare tutti. Se i medici prendono poco, sarà allora dovuto al fatto che da due anni non fanno visite a domicilio agli anziani, se non pro forma, cioé firmando che ci sono andati, anche se poi il fatto non corrisponde al vero? Io ad esempio, ho delle tracde di visita fantasma: si fireriscono a 4 visite effettuate nei mesi precedenti dal medico di mia mamma, ma le ho trovate, dove di solito conservo la scorta dei suoi medicinali, solo il giorno dopo che ha effettuato la vera visita fisica, mentre fino al giorno prima nell’armadietto non c’erano. Poi ci sono le visite intra moenia: se chiedi appuntamento sono dai 3 ai 6 mesi di attesa, mentre a pagamento, nell’ospedale, per il giorno dopo e SENZA FILA!!! Le querele non portano a nulla, un po’ di onestà intellettuale forse sì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *