Per Volterra: “ancora stiamo aspettando le risposte da Santi”

VOLTERRA – Il sindaco di Volterra Giacomo Santi in questi giorni, nonostante le sollecitazioni per avere chiarimenti da parte di tutte le opposizioni sui problemi dell’ospedale, sembra proprio che viva in altro posto. Si, perché ad oggi le “urgenze ortopediche” vengono ancora dirottate a Pontedera. Ne abbiamo avuto prova proprio pochi giorni fa.
Colui che fin da subito ha dichiarato di volere le collaborazioni, adesso va dritto per la sua strada senza ascoltare e rispondere ai moltissimi cittadini che in questi giorni ci sommergono di domande e dubbi.
Santi ha espresso più volte che lui non comunica su fb: fa e quindi non è importante dirlo. Ma questo è palesemente non vero perché lui usa molto i social e pubblicizza tutto quello che propone, ma proprio tutto: dalla cronistoria della firma per Terre di Pisa, agli articoli che parlano degli eventi. Dallo scivolone di Danti sul Persio Flacco, alla consegna dei premi Ombra della Sera dello scorso sabato.
Tutto per distogliere l’attenzione dal problema Ospedale. Ma, visto che è la massima espressione sulla responsabilità sanitaria pubblica della città, vuole dirci cosa sta facendo in questo ambito? Attendiamo risposte, un incontro pubblico e la conferenza dei sindaci, ma prima del 16 agosto. Noi non molleremo di un millimetro e continueremo a chiedere l’incontro per essere a conoscenza di quello che fa e per informare i cittadini in un consiglio comunale aperto.
In questi giorni ha incontrato anche la Vicepresidente regionale e ci auguriamo che le abbia parlato dei problemi dell’Ospedale, anche se l’unica notizia uscita su fb (ancora una volta i social che non ama usare) è stata a favore del teatro stabile in carcere!
Forse Santi aspetta un cenno da Pisa per sapere come comportarsi. Oppure aspetta la soluzione offerta dal partito, per poi poter affermare “vi ho riportato l’ortopedico”. Troppo brutto dire che ci sta lavorando e cosa sta facendo, per poi non risolvere niente, anche se speriamo che non sia questo il caso.
Attendiamo fiduciosi.

Fonte: Per Volterra

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.