Orgogliosi di Bocelli e Cristicchi… ma che c’entra Punzo?

La reazione di Uniti per Volterra all'annuncio dei nuovi sostenitori del progetto "Volterra 2021"

Come volterrani siamo orgogliosi del fatto che il grande Andrea Bocelli, uno degli italiani più famosi al mondo, abbia deciso di appoggiare pubblicamente la candidatura di Volterra a Capitale della Cultura. Un vero onore che si può ben abbinare all’altra esposizione, felice, nei confronti della nostra città, ovvero quella del cantautore Simone Cristicchi, vincitore di Sanremo 2007 con la canzone “Ti dedicherò una Rosa”, dedicata alla vita nei manicomi.
Non capiamo, a dire il vero, come sia stato possibile, da punto di vista della comunicazione, abbinare il nome di due personaggi così importanti con il regista Armando Punzo. Così come partorito dal comunicato partito dal Comune o da chi si occupa della candidatura.
 Intanto perchè si tratta di una non-notizia: Punzo ha seguito, dall’insediamento di questa amministrazione, ogni passo della candidatura e non solo.
E poi perchè, non ce ne voglia il regista, ma il suo nome abbinato agli altri due suona un pò come uno “spot” autopromozionale. Ed è proprio questo che noi vorremmo evitare: ovvero che questo lavoro per promuovere Volterra a Capitale Italiana della Cultura si trasformasse in un oggetto riservato, in poche mani, ovvero quelle della molto presente Associazione Carte Blanche. Già molti titoli, fortemente ideologici, rischiano di colorare fortemente questa candidatura indebolendola, e rischiando di non raccontare la città di Volterra per quello che realmente è,  se non in piccola parte. Da osservatori laici, e da tifosi di Volterra, ci è sembrato corretto esprimere questo concetto. Prima che la situazione si comprometta troppo!
La Cultura di Volterra va ben oltre le mura della Fortezza, questo è bene ricordarlo a chiare lettere.
Antonella Bassini, Coordinatrice
Lista Civica Uniti per Volterra

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.