Uniti per Volterra, accoglienza è la parola d’ordine

Siamo solidali con il popolo ucraino, e vorremmo assicurare loro che le porte di Volterra saranno aperte per tutti coloro che lo vorranno.
Abbiamo assistito in questi giorni ad una grande mobilitazione generale, dove tantissime persone e molte associazioni si sono mosse spontaneamente con l’intenzione di aiutare. Questa terribile guerra è riuscita a farci sentire un po’ più uniti e di questi sentimenti noi dobbiamo riuscire a fare tesoro. Allo stesso tempo dobbiamo dire che serve adesso coordinare gli aiuti, per evitare sprechi e doppioni. Ma soprattutto per riuscire ad accogliere a Volterra e in Valdicecina mamme e bambini.
Crediamo che la nostra Caritas diocesana e la nostra Fondazione CRV potrebbero essere i soggetti giusti per coordinare le varie attività e i nostri quattro Comuni, al fine di offrire un’accoglienza non solo d’emergenza, ma con una minima stabilità.

Lista Civica Uniti per Volterra

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.