Secondo il “Il Messaggero” di Roma
Arriva Andrea Pignataro e la CRV sarà
convertita in piattaforma digitale

Ci sono novità che riguardano la Cassa di Risparmio di Volterra e arrivano dal quotidiano “Il Messaggero”, storico giornale di Roma quando sabato 17 settembre, a pagina 17, apriva con il titolo: “Pignataro entra in Cassa Volterra”. Vediamo di che cosa si tratta riportando alcuni stralci dell’articolo pubblicato da “Il Messaggero”.
“Il Finanziere Andrea Pignataro è pronto a rafforzare il suo portafoglio dotandosi del controllo di una banca e, dopo Cedacri, Cerved e il 10% di Illimity, è prossimo ad acquistare una partecipazione significativa nella Cassa di Risparmio di Volterra attraverso un aumento di capitale di 30-40 milioni con lo scopo di utilizzarla quale piattaforma per lo sviluppare un core banking system di nuova generazione. Ion Investment Group, la holding di Pignataro, basata in Irlanda e specializzata nello sviluppo di piattaforme di gestione dati e processi per le società finanziarie sta pianificando l’ingresso nella banca volterrana controllata la 75% dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, al 20% dal Credit Agricole Italia e al 5% dalla Fondazione San Miniato. La partecipazione della Agricole Italia, guidata da Giampiero Maioli, è stata svalutata e considerata “partecipazione passiva”.
La chiave di volta – scrive ancora Il Messaggero – sarebbe il nuovo piano industriale presentato da Ion che riconverte la banca tradizionale, la CRV, in un modello di business altamente innovativo in chiave digitale. Alberto Mocchi (presidente della Cassa di Risparmio di Volterra dal maggio 2021) in estate ha scritto ai soci della Volterra, notificando l’interesse di Pignataro ad entrare nella compagine sociale. Il rafforzamento patrimoniale, secondo Bankitalia, dovrà avvenire entro il prossimo 31 dicembre e Ion avrà circa il 35-40% del capitale diluendo così la quota della Fondazione CRV, riducendo ai minimi termini l’Agricole e azzerando praticamente la presenza dell’ente San Miniato.
La riconversione della banca di Volterra potrebbe portare a un significativo profitto nell’arco di 3-5 anni”.



Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.