Volterra: lunedì 3 ottobre riprende l’ambulatorio pediatrico. Nuove specialistiche e un programma di screening per ragazzi dai 10 ai 16 anni.

Da lunedì 3 ottobre riprende l’ambulatorio pediatrico a Volterra. La proposta è stata presentata dalla ASL Toscana nord ovest all’interno alla Consulta per la tutela della salute dell’Alta Val di Cecina che si è tenuta ieri (27 settembre).

La nuova organizzazione dei servizi tiene conto dei bisogni effettivi della popolazione ed è incentrata sulla continuità assistenziale tra ospedale e territorio, garantita dalla costante collaborazione tra i professionisti ospedalieri e territoriali.

Nel merito. Il servizio ambulatoriale di quattro ore al giorno dal lunedì al venerdì, sarà gestito dai medici ospedalieri dell’unità operativa di pediatria di Pontedera-Volterra e, a fine anno, in accordo con la Consulta verrà effettuata una verifica sui dati di attività per eventuali modifiche o rimodulazioni del servizio.

Tutti i giorni sarà garantito l’accesso diretto, previo triage covid al pronto soccorso. Oltre all’accesso diretto, disponibile dal lunedì al venerdì, il mercoledì e il giovedì si terranno ambulatori specialistici di allergologia, gastroenterologia, auxologia per problemi legati alla crescita e endocrinologia. Inoltre, a Volterra sarà possibile effettuare le ecografie alle anche dei lattanti e, soprattutto, sarà attivato un nuovo programma di screening dell’età preadolescenziale, per prevenire o individuare precocemente disturbi del comportamento alimentare (DCA), diabete, disturbi della pubertà e altre patologie legate alla crescita del bambino. Una nuova offerta ambulatoriale, quindi, rivolta ai ragazzi dai 10 ai 16 anni che si propone di fornire uno screening auxologico basale, attraverso la valutazione di peso e altezza, secondo gli standard di riferimento della Società Italiana di Pediatria, la misurazione della pressione arteriosa, la glicemia post-prandiale e l’esame delle urine. Sarà così possibile intercettare eventuali soggetti a rischio che saranno indirizzati, per una corretta ed efficace presa in carico, al percorso adeguato per l’approfondimento diagnostico terapeutico

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.